Home / Autoclave per la sterilizzazione /

Autoclavi per la sterilizzazione professionale

Qualità e garanzia Miele Professional

I dentisti, i medici e gli operatori impegnati nelle cliniche, negli ospedali e nelle case di cura lo sanno bene: una sterilizzazione ben fatta dipende dalla macchina che si utilizza. Per questo Miele ha studiato un’autoclave per la sterilizzazione sicura e facile da utilizzare, con quattro programmi dedicati, volumi di carico e peso diversi per rispondere ad ogni esigenza. Il display touch è a colori ed è possibile tracciare in modo completo tutti i processi e trasferire i dati in modo semplice.
La soddisfazione passa da qui: la sicurezza di avere il meglio e offrire il miglior servizio ai propri pazienti.

Come funziona una autoclave?

La norma tecnica che regola le procedure di sterilizzazione di strumenti medicali è la UNI EN 566-1, la quale impone che il SAL (Sterility Assurance Level), il livello di sicurezza di sterilità, sia pari a 6. Tuttavia, come si può immaginare, il risultato di un processo non è verificabile sul prodotto (UNI EN ISO 9001:2000), dunque il processo di sterilizzazione deve registrare uno svolgimento perfetto e assolutamente in linea con gli standard imposti.
La soluzione più economica ma anche quella più efficace è la sterilizzazione con autoclave. Gli utensili, dopo aver superato le diverse fasi di lavaggio e decontaminazione sono esposti per un tempo massimo di 7 minuti a una temperatura di 134 °C o, in alternativa, a una temperatura di 121 °C per circa 15-20 minuti, secondo i parametri indicati dalle normative europee EN 285 ed EN 544.

Tipologie di autoclavi Miele classe B

Le autoclavi Miele sono di classe B e garantiscono l’eliminazione totale dei batteri, sono indicate per studi dentistici dentisti, ambulatori, cliniche, sale operatorie e case di cura. Inoltre, queste macchine sono indicate anche per sterilizzazione di mascherine in tessuto così da evitare le soluzioni monouso e ridurre gli sprechi.

La linea CUBE è composta da ben quattro modelli che si differenziano per capacità di carico. Tutte dispongono di cinque programmi specifici tra cui due di test, assolutamente importanti nei processi di sterilizzazione

  • 121°C Universale
  • 134°C Universale
  • 134°C Prioni
  • Test di Helix e di B&D
  • Test del vuoto